Archive

 

 
 

 

IL CASTELLO DI RIVARA APRE LE CANTINE

18 Sept - 16 Nov 2009
Opening 18 Sept 2009 from 6pm

Rebecca Agnes, Felipe Aguila, Elena Arzuffi, Wojtek Bakowski,
Maura Banfo, Chiara Camoni, Diego Canato, Jessica Carroll, Gordon Cheung,
Marco Cordero, Marco De Luca, Igor Eskinja, Flavio Favelli, Erica Fenaroli,
Marta Fernandez Calvo, Francesca Gagliardi, Isola e Norzi, Nicus Lucà,
Andrea Macchia, Andrea Massaioli, Daniela Perego, Alessandro Quaranta,
Gino Sabatini Odoardi, Andrea Salvatori, Soska Group, Carlo Steiner,
Mariusz Tarkawian, Enrico Tealdi, Saverio Todaro, Fabio Viale

Curated by Francesca Solero

La cantina come luogo di conservazione dei beni preziosi del territorio. Caveau nascosto, protetto, sacro e nobile, in cui le opere d’arte si confrontano con lo spazio e la sua dimensione simbolica, tra l’essere espressione materiale di un dialogo con il luogo ed il frammento di fermenti creativi più ampi che anelano l’altrove.

Il Centro d’Arte Contemporanea Castello di Rivara apre le cantine: inedito e stimolante spazio espositivo ricavato dal vespaio progettato dal De Andrade durante la ristrutturazione della Villa Neobarocca. Attraverso questo percorso di rilettura viene valorizzato il potere simbolico ed evocativo delle cantine, che associa il luogo del sotterraneo, del vespaio delle case antiche e delle cascine, alla conservazione di beni preziosi. Quasi un caveau, un luogo nascosto e protetto, “sacro e nobile” in cui venivano custoditi i prodotti del territorio.
Il progetto espositivo si sviluppa intorno all’idea di abitare le cantine e le nicchie in pietra in cui veniva riposto il vino, chiamando l’opera d’arte a riempire di senso lo spazio come bene prezioso e collegamento simbolico con il luogo. È nella cantina che il tempo si deposita sulla materia, trasformandola. Il suo trascorrere (invecchiamento, conservazione) conferisce ad essa particolari caratteristiche, nell’orizzonte previsto dalla composizione alchemica degli elementi e dei processi attuati. Le idee si incontrano, fermentano. L’opera si struttura e si affina. La cura e la costanza rivoltale la caricano di un valore che sarà, dal tempo e nel tempo, scoperto e confermato.
La particolare geometria spaziale dei vespai dilata la fisicità temporale del luogo e ne attiva una percezione simbolica che induce alla contemplazione e all’ascolto dello scorrere di questa dimensione, mista tra alto e basso, ascensione e immersione. La tensione mistica incontra nel sotterraneo le pulsioni ed i fermenti del presente. Le celle ricordano vecchie cripte sotterranee o le celle monastiche in cui ritirarsi e concentrare la propria attenzione ed energia, nell’anelito verso un altrove, fisico, geografico, storico o misterico. In questo senso la cantina può essere concepita come fucina in cui trasformare gli elementi o luogo sacro in cui depositare ed immettere la propria opera quale preziosa espressione materiale, ricamo del dettaglio mentale o manuale. È il luogo del distacco e dell’attesa, della risposta della storia; ma è anche il luogo del tempo consumato e ridotto all’istante, dei sensi immediatamente soddisfatti, con passione fedele e goliardica.
Le opere che abiteranno questi spazi si misureranno con questa sensibilità a cavallo tra desiderio di eternità e consumo vorace, nel limite tra trascendenza ed immanenza, rigore espressivo o ironica riflessione del proprio istante creativo.

Nel corso della serata di inaugurazione verrà presentata la ballata teatrale Storie di acqua e di vino, messa in scena dal gruppo Teatro Cultura Lo Zodiaco di Caluso per raccontare il mito della nascita della ninfa Erbaluce, attraverso gli occhi di un pescatore.

CASTELLO DI RIVARA
Centre of Contemporary Art
Piazza Sillano, 2
I - 10080 Rivara (To)
Tel/fax +39 0124 31122
info@castellodirivara.it
www.castellodirivara.it


 

< back

2005 © Gordon Cheung. All rights reserved. International copyright laws apply to all content.